Voucher digitalizzazione PMI 2017: cos’è e come ottenerlo

Dal 10 luglio 2017, sono stati stanziati dal CIPE altri 67,46 milioni di euro per dare il via al bando Voucher digitalizzazione PMI.

Così, si arriva alla somma di 100 milioni di euro destinati all’emissione di voucher per l’adozione di interventi di digitalizzazione nelle micro e PMI italiane. Il Voucher digitalizzazione, che avrà un valore massimo di 10.000 euro per progetto, va a finanziare l’acquisto di hardware, software e servizi finalizzati appunto alla digitalizzazione di processi aziendali e all’ammodernamento tecnologico delle micro, piccole e medie aziende. Al momento, si stanno ultimando le modalità per la presentazione delle domande ed i termini di apertura del bando.

Finanziamento voucher digitalizzazioneCosa finanzia
  • L’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica per la digitalizzazione dei processi aziendali per migliorare l’efficienza.
  • L’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica per la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro.
  • L’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica per lo sviluppo di soluzioni di e-commerce.
  • La realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche e i costi di dotazione e installazione degli apparati necessari per il collegamento alla rete internet a banda larga e ultra larga.
  • L’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.
  • La formazione qualificata, nel campo ICT, del personale delle pmi.

 

Come richiederlo

Innanzitutto, per ottenere il voucher, le aziende devono avere un progetto tecnico finalizzato ad ideare il percorso d’innovazione per l’azienda. In un secondo momento si passa alla compilazione e presentazione della domanda, la quale deve essere fatta esclusivamente per via telematica, seguendo le indicazioni stabilite dal Ministero dello Sviluppo Economico (www.mise.gov.it). Inoltre, per poter presentare la domanda, le aziende devono avere obbligatoriamente una PEC valida e funzionante e la firma digitale del rappresentante o del delegato.

A breve, un apposito provvedimento fisserà i termini per la presentazione delle domande.

Ti terremo aggiornato!

Marco Trivisonno
VM Sistemi – Marketing Support

Related Posts

Pin It on Pinterest