La Business Intelligence per le PMI: Monitorare per mantenere i costi

Cos’è la business Intelligence?

Per Business Intelligence possiamo intendere quell’insieme di strumenti e processi aziendali che hanno lo scopo di raccogliere informazioni, elaborarle ed interpretarle, al fine di creare conoscenza e supportare le scelte strategiche di business.

Una necessità sempre più attuale, che vede nel “nuovo mercato” lo scenario perfetto per poter apprezzare i vantaggi derivati dall’uso corretto della Business Intelligence, dove la capacità di aggregare i dati, raffrontarli, elaborarli e proporli in tempo reale diventano caratteristiche essenziali per una strategia di Business di successo.

Ma nel concreto, cos’è la Business Intelligence?

Immaginiamo lo scenario tipico di una PMI. Ogni giorno vengono svolte una miriade di operazioni: dalla fatturazione al riordino di un prodotto, dalla movimentazione di magazzino alla gestione delle filiali, e molte altre ancora. Tutte queste operazioni vengono normalmente registrate sul gestionale ERP. In ottica di Business Intelligenze questa può essere considerata la fase di raccolta dati.

Ora occorre creare informazioni: significa analizzare i dati raccolti, con la possibilità di mettere in relazione dati che apparentemente non sono correlati tra loro, per svolgere analisi dinamiche sugli asset che si vogliono di volta in volta considerare. La creazione delle informazioni deve essere semplice, immediata, puntuale, in modo da non tramutarsi in un costo informativo. Le informazioni che devono emergere possono essere molteplici, ma meglio se contestualizzate sullo specifico settore di appartenenza.

Immaginiamo il vantaggio offerto dal conoscere, in tempo reale e a colpo d’occhio, l’andamento dello stock di magazzino, e poter su questo effettuare analisi drill-down per Pre-Codice sino a risalire al singolo prodotto con il minor indice di rotazione. Abbiamo in questo modo la possibilità, ad esempio, di predisporre offerte dedicate.

Non solo analisi puntuali dei dati presenti ma anche previsione dei dati futuri. Una funzionalità interessante degli strumenti di Business Intelligence evoluti è data dalla funzione “what-if“: un’analisi dedicata, che grazie a complessi sistemi statistici effettua un’analisi previsionale su parametri scelti. Abbiamo la possibilità, ad esempio nell’ottica della gestione agenti, di prevedere come e quanto potrebbe essere influenzato il reddito operativo nel caso un agente ottenga un incremento/decremento di fatturato.

Questo tipo di analisi viene affidato a soluzioni dedicate che hanno il grande vantaggio, oltre che rendere semplice l’accesso ai dati e alla loro riclassificazione, anche quello di guidare le analisi stesse proponendo di default i principali indicatori utili alla Business Intelligence. Gli strumenti più evoluti permettono inoltre una totale parametrizzazione, al fine di creare informazioni sulla base delle specifiche esigenze. Ne sono un esempio le soluzioni di Business Intelligence proposte da VM Sistemi per i propri gestionali Elettrix, Strike e Olpix.

Ricapitolando

  • La Business intelligence è supporto concreto alle decisioni
  • I dati per la Business Intelligence sono già archiviati nei propri sistemi
  • Le analisi sono semplici e immediate se si usano gli strumenti giusti
  • Monitorare significa affrontare tempestivamente le criticità e di conseguenza ridurre i costi
25 Ottobre 2012

Pin It on Pinterest