Unieuro

Unieuro_cube

Innovazione continua in tecnologia e processi

Unieuro, azienda acquisita da SGM Distribuzione, la quale esponeva il marchio “MarcoPolo Expert” e la cui rete di vendita, unita a quella del più noto marchio, ha consentito al Gruppo di raggiungere la leadership nel proprio mercato. Il Gruppo Unieuro è il principale player italiano della GDO (Grande Distribuzione Organizzata) dell’elettronica di consumo. Con oltre 250 punti vendita al dettaglio impiega circa 4000 dipendenti. Tra i principali valori chiave dell’azienda, oltre che l’attenzione per le persone e la centralità del cliente troviamo l’innovazione continua sia nelle tecnologie che nei processi.

L’esigenza

Unieuro punta ad essere un’azienda multicanale integrata, realizzando un ecosistema unico che comprenda dal negozio fisico, al web, dal cliente, agli utenti, in una sinergia senza separazione.

Per raggiungere questo scopo si rende necessario lavorare su diversi fronti, che coinvolgano dalla logistica, ai canali multimediali, al franchising. Tutti fronti accomunati dalla necessità di avere un’infrastruttura tecnologica altamente efficace, efficiente e all’avanguardia per essere sempre più in sintonia con le esigenze del cliente finale.

La soluzione

L’infrastruttura ICT si basa su sistemi hardware IBM Power Systems, Blade IBM e piattaforma XIV. Scelta condizionata dall’esigenze di scalabilità dinamica, auto riparazione in caso di guasto tecnico e grandi prestazioni ottimali, tutti requisiti essenziali per gli ambienti in rapida crescita.

Ambiente che perfettamente si sposa con l’applicativo Strike, utilizzato per la parte gestionale e basato su database IBM DB2, in grado di gestire agevolmente la pubblicazione e l’integrazione di grandi moli di dati.

I vantaggi

Un ambiente in continua evoluzione, che gode dei benefici della scalabilità dei sistemi implementati ed in grado di evolversi dinamicamente con le esigenze del business.

La soluzione sviluppata per Unieuro viene citata come parte di un progetto d’eccellenza sul quotidiano “La Stampa.it”